L’istituto fiorentino è tutt’altro che fuori dalle controversie di cui si è macchiato negli ultimi tempi, a differenza di Unicredit, istituto in cui l’aumento di capitale sembra dare i suoi frutti, la madre di tutte le banche resta in gravissima difficoltà.

Nessuna lista dei debitori sembra nei piani. Il PD, trovandosi in una posizione alquanto scomoda fa pressione per una commissione bilaterale, dovrà comunque agire al più presto per non perdere la faccia di fronte agli elettori, visto lo stretto legame tra il partito politico e l’istituto bancario.

Fonte: Il Sussidiario